Derattizzazione

RATTO NERO, RATTO DEI GRANAI (Rattus rattus)

Descrizione
E' in grado di vivere alcuni anni. La maturità sessuale viene raggiunta dopo circa 11 settimane; il nido viene generalmente costruito sopra terra. Dopo una gestazione che dura 24 giorni, nascono di solito 5-10 individui; ogni femmina può avere sino a 6 parti all'anno in ambiente confinato, mentre nelle popolazioni viventi all'aria aperta le generazioni non sono più di tre.
È una specie essenzialmente granivora, anche se nel complesso deve essere considerata onnivora, in quanto in grado di cibarsi di frutta, noci e nocciole, cortecce di piante.
In Italia sono presenti le due sottospecie: alexandrinus e frugivorus.
Allo stato selvatico il ratto nero vive sugli alberi (pini, lecci, palme), ove costruisce il nido con detriti vegetali, foglie secche, muschio.

Ambiente e nocività
Dotato di eccezionali doti acrobatiche (è in grado di utilizzare in equilibrio cavi elettrici e fili del telefono per spostarsi) può trasferirsi anche nelle abitazioni, alla ricerca di cibo.
Nei magazzini predilige vivere nelle zone alte e più asciutte. In questo caso il nido è costruito in anfratti di muro o sulle travature dei tetti, utilizzando detriti di varia natura.
E' decisamente dannoso, sia per la distruzione delle derrate, che per i danni arrecati a piante e frutti in pieno campo. Si aggiunge la possibilità di inquinare con i propri escrementi gli alimenti, nonché il rischio di trasmissione di malattie sia all'uomo che agli animali domestici.